05/02/2015

Modello CUD addio: in arrivo la Certificazione Unica

Cambiano le regole per i lavoratori dipendenti, pensionati e assimilati e professionisti: in arrivo la Certificazione Unica che manderà in pensione il vecchio modello CUD.
Il modello, introdotto nel 2015, sostituirà anche le vecchie certificazioni ritenute d’acconto.
 
La vera novità introdotta con la Certificazione Unica è che il modello è standard per tutti i compensi: non sono più ammesse certificazioni dei compensi dei lavoratori autonomi in forma libera su carta intestata dell’azienda.
 
Il nuovo modello CU dovrà essere consegnato al contribuente entro il 28 febbraio e trasmesso per via telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo (nel 2015 la scadenza slitterà al 9 marzo, in quanto il 7 cade di sabato).
 
La mancata o errata trasmissione di questa certificazione entro i termini stabiliti comporta una sanzione di 100 euro per ogni percipiente. L’Agenzia Entrate afferma che non è possibile per il sostituto d’imposta correggere i propri errori applicando l’istituto del ravvedimento operoso. Viene concesso però un ulteriore periodo di cinque giorni dalla scadenza del termine per poter effettuare l’invio della CU, termine entro il quale è ancora possibile evitare la sanzione. 
 
Per saperne di più
 
www.agenziadellentrate.gov.it/modello2015